Log In
EtnaSnow Academy

Stagione 2016/17 : tre mesi di puro divertimento

Stagione 2016/17: cosa e come poter spiegare tre mesi di snowboard a chi lo snowboard non lo fa.

È sempre difficile scrivere qualcosa alla fine di ogni stagione di snow. Il dilemma è sempre quello di rischiare a non riuscire a trasmettere le migliaia di emozioni provate e vissute, dirò di più, con buona probabilità non riuscirò nemmeno questa volta a raggiungere l’obiettivo. Ma va bene cosí.

Ognuno di noi vive e percepisce in maniera differente la miriade di emozioni che vengono fuori dallo snowboard: il principiante si esalta per le due curve fatte senza cadere, l’intermedio è in estasi per il primo 3 chiuso, il pro… eehm… vabbè diciamo che il pro, al momento è impegnato a fare altro. Quindi è praticamente impossibile spiegare in un solo concetto cos’è stata questa stagione invernale.

Ciò che posso dire adesso, è cosa ho fatto, cosa abbiamo fatto e ognuno potrà forse immaginare cos’è stato per noi la stagione 2016/17.

Sicuramente il primo sentimento in cui ognuno potrà riconoscersi, è la famosissima SCIMMIA. Nove mesi di caldo sono abbastanza lunghi e da Novembre scatta una totale e generale euforia da neve, con un lungo ed estenuante chiacchiericcio. Ma è quando comincia ad imbiancarsi l’Etna che finisce il brusio e si passa ai fatti.

Pala, struttura e via. Non aspettiamo l’apertura degli impianti. La voglia di mettere la neve sotto lo scarpone, ci porta ad anticipare i tempi “ufficiali” di apertura della stagione sciistica.

Ancora meglio quando tutte le previsioni meteo ti confermano che sta per arrivare una bolla artica che porterà neve a quote collinari, anche laddove non ha mai nevicato.

Scattano allora le notturne, i km in macchina per sfruttare un paese, una città interamente ricoperta di neve. Scattano i sorrisi, l’adrenalina, le botte, gli incoraggiamenti, le riprese, i pandori o panettoni alle 4 di notte, i trick provati e riprovati per chiudere il video shooting… scatta qualcosa nella tua mente che marchierà quella notte indelebilmente nei tuoi ricordi.

Poi arriva la fresca, arrivano le snowboardate in fuori pista, si cerca la traccia perfetta, il dislivello perfetto dove poter lasciare la propria “firma”. Arrivano i cliff, i kicker in fresca e anche qui un tripudio di adrenalina, paura, coraggio… e ancora, e ancora.. Torni a casa distrutto, esausto, forse arrabbiato ma alla fine come un cretino ti guardi allo specchio e inspiegabilmente ti ritrovi un sorriso gigante perchè in quella giornata o nottata, hai vissuto la tua vita al 100%: i tuoi amici, la tua neve, il tuo spot, i tuoi trick, il tuo momento.

Questo potrai capirlo solo tu e chi sta con te, non potrai spiegarlo, non saprai spiegarlo e in ogni caso, gli altri non potranno mai capirlo fino in fondo.

Fortunatamente per la stagione 2016/17, l’inverno ci ha permesso di fare di tutto e di più, ma questo non vuol dire che siamo, che sono arrivato ad una fine. Magari al momento potrà sembrare di volersi dedicare a qualcos’altro, ma è solo questione di tempo prima che la tua mente, la mia mente in astinenza di neve cominci a dare i numeri. E allora sarà un progressivo aumento di SCIMMIA che ti porterà dritto a Novembre/Dicembre facendoti dire e fare cose assurde, per poi placarsi quando rimetterai gli scarponi ai piedi… ed è allora che ritorna a riaccendersi la giostra.

Fortunatamente per tutti noi, già da qualche anno la stagione invernale sull’Etna ha preso una piega più che positiva. È palesemente tangibile rispetto agli anni scorsi come la STAR e la FUNIVIA DELL’ETNA abbiano incentivato lo sci e lo snowboard sul’Etna: comunicazioni quotidiane, incremento mezzi battipista, migliore fresatura delle piste, realizzazione snowpark e tanti altri interventi che vanno a completare sempre di più le stazioni sciistiche etnee, nonostante manchino ancora numerosi servizi di cui necessitano sia gli operatori che i turisti.

Si chiude la stagione 2016/17 e si chiude anche il decimo anno di EtnaSnow.it. Il mio ringraziamento prima di tutto va a voi che magari chi da più e chi da meno, ci seguite, ci odiate o semplicemente vi stiamo indifferenti. È grazie a voi che abbiamo raggiunto questo grande traguardo, è grazie a voi se anno dopo anno organizziamo eventi in montagna.

Ringrazio sempre i nostri partners che ci aiutano e supportano:

Windsurf Center la cui passione per lo snowboard è infinita ed è il punto di riferimento a cui affidarsi per chi comincia a fare snowboard. I suoi 30 anni d’esperienza, la sua professionalità e il supporto che da ai suoi clienti, sono caratteristiche che non si trovano in nessun store online. Un consiglio: abusate della sua esperienza.

Blackhole Snowboard , Porte del vento che ormai da svariati anni  credono nel progetto EtnaSnow.it

Cisauto che da quest’anno è entrata nel gruppo e che ha potuto rendersi conto in prima persona, con la notturna a Maletto, di quanto siamo pazzi!

Grande amicizia e stima e per questo ci tengo a mandare un saluto di cuore ai noleggi di Piano Provenzana: La Capannetta e Baita Mareneve la cui disponibilità verso EtnaSnow è sempre grande e ci fanno sentire sempre a casa.

Last but not least, ne avevo già parlato prima, la STAR che anno dopo anno lavora per rendere la stazione sempre più di alto

livello ed è per noi un piacere poter sottolineare come questi interventi contribuiscano a rendere sempre più piacevole l’esperienza dello snowboard sull’Etna.

Non ho altro da dire. Questa stagione mi ha permesso di conoscere tanti ragazzi nuovi che spero di rivedere il prossimo anno e ringrazio sempre chi mi accompagna in ogni (o quasi) mia uscita: Solingo, Chunk, Pierpa, Saro BigB, Biglips, Santi, i calvis + mambo, Rivolo, Littlestone, Enesy, Tamba, Luisito e Tanovich sempre con noi anche se da Livigno.. se dimentico qualcuno, non me ne voglia (sono le 2:45), e poi lui, il sommo, l’esimio che da lassù ci guarda e se la ride insieme a noi: Pakinuzzo.

Buona estate a tutti!

Guarda tutti gli album fotografici di EtnaSnow.it su Flickr: Clicca qui

Lascia un commento

Tagged under:

Iscriviti alla newsletter

Log In or Create an account